Myspace contro la pedofilia

pubblicato il 22 May 2007 alle 20:46

no_pedofilia.jpg

Dopo mesi di battaglie legali condotte da alcuni stati americani, come il Connecticut, Myspace apre i suoi archivi alla giustizia americana e al Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati (NCMEC). Otto stati americani potranno accedere ai dati riservati degli utenti iscritti alla società presieduta da Rupert Murdoch, già noto magnate del gruppo Sky, per scopi legali nella caccia ai presunti pedofili. Myspace è una grande rete di blog che, secondo Richard Blumenthal procuratore generale del Connecticut, può aver messo in contatto criminali e possibili vittime. Dopo la liberalizzazione dei dati Myspace ha anche bloccato la visualizzazione delle pagine gestite dai pregiudicati per abusi sessuali, più o meno 7000 utenti sui 180 milioni della rete totale. Ciò è stato possibile grazie alla collaborazione tra Myspace e Sentinel Tech Holding, società specializzata che gestisce un database sui pregiudicati, e all’incrocio con i dati degli utenti iscritti. Questa allenza tra il nertwork e la gustizia potrebbe non bastare. Infatti sono stati introdotte regole più restrittive per poter far parte di Myspace, come l’età minima di 16-18 anni contro i 14 attuali. Intanto i genitori di 5 bambini addescati su Myspace e poi scomparsi, hanno fatto causa all’azienda per negligenza.

N7W: Cambiano le 7 Meraviglie del Mondo

pubblicato il 16 May 2007 alle 11:13

new7wonders.jpg

Restano ancora cinquantuno giorni e le sette meraviglie del mondo non saranno più le stesse.
Non si tratta di un errore, ma di una singolare iniziativa lanciata dallo svizzero Bernard Weber fondatore della New Open World Foundation.All’iniziativa, indetta il primo gennaio 2006, hanno partecipato già 45 milioni di persone che hanno potuto votare attraverso internet, o con il proprio telefono, sette delle ventuno candidate a diventare le nuove meraviglie del mondo. La lista, scremata da un team di esperti e architetti, è stata prima definita da un’altra votazione che ha permesso di scegliere qualunque creazione umana esistente. In gara sono rimaste opere come: il Colosseo, il Taj Mahal indiano, la Grande muraglia cinese e la torre Eiffel. Figura anche la Grande Piramide di Giza, unica superstite, delle vecchie sette meraviglie, considerata concorrente onorario della gara. Lo scopo principale però, a detta di Weber, è quello di poter raccogliere i fondi per restaurare e riportare in vita alcuni dei monumenti più belli del mondo, come il Buddha di Bamiyan distrutto dai Talebani in Afghanistan. Infatti si potrà comprare un attestato di voto per il monumento preferito al costo di due dollari che serviranno a finanziare questo progetto. Secondo Weber si sta creando per la prima volta una memoria globale rispettando e celebrando la libertà culturale.

WE7: Rivoluzione digitale.

pubblicato il 14 May 2007 alle 19:19

we7.JPG

We7 è il progetto per la musica gratuita partorito dalla mente di Peter Gabriel, uno dei più illustri musicisti della storia del rock. We7 darà la possibilità di scaricare gratuitamente musica, in formato digitale, direttamente dal web previo ascolto di uno spot pubblicitario. Lo spot sarà inserito all’interno dell’mp3 e durerà pochi secondi prima dell’inizio della canzone. In questo modo i costi della produzione verranno coperti dagli ’’advertisers’’ che inseriranno la pubblicità. Una vera e propria rivoluzione che - dice Gabriel - ha già trovato l’appoggio di diversi artisti disposti a rendere la loro musica scaricabile. Questo progetto trova però l’opposizione di alcune case discografiche fermamente contrarie a qualunque forma di download dalla rete. Considerando che in un’era dove il download illegale, attraverso la pratica del p2p, è sempre in continua ascesa, il We7 si pone come l’unica concreta garanzia per difendere i cantanti, le band e le stesse case discografiche dalla pirateria. Tutto ciò farà esultare anche i gruppi emergenti che avranno a disposizione un nuovo metodo gratuito e facilmente accessibile da un ampio potenziale pubblico in rete per farsi pubblicità.