Il Ricordo

61.jpg

Stiamo perdendo la memoria, questo è quello che sta succedendo al nostro Paese. Non capiamo più cosa è successo e se quel che è successo sia giusto o sbagliato. L’Olocausto, La Resistenza o La Marcia su Roma stanno diventando episodi alienati dalla cultura del popolo che crea le sue convinzioni intorno ai “sentito dire”. Ecco la cosa più dannosa che accade: perdiamo la memoria e ci affidiamo al racconto di qualcuno che ne sa di meno di noi o che sa veramente come si sono evoluti i fatti ma ha convenienza a raccontarceli in maniera diversa. Oggi ho letto un’intervista a Luis Sepúlveda pubblicata sul giornale anarchico Arivista, consultabile Cliccando Qui nel loro sito ufficiale, che parla della situazione del Cile prima, durante e dopo la dittatura di Pinochet, con parole dure, sprezzanti ma che fanno rievocare la memoria di quel periodo tragico ed è assurdo che quello che emerge da questa intervista non arrivi alla gente comune. Dobbiamo sempre cercarci le informazioni.

Per non dimenticare.


Scrivi un commento

Per inviare un commento devi fare il loggin.